Tre motivi per leggere “Mia nonna saluta e chiede scusa” di Fredrik Backman

All’inizio sembrava un libro come tanti altri, e invece no: Mia nonna saluta e chiede scusa di Fredrik Backman ha qualcosa in più. Forse tre motivi stavolta sono pochi.

Mia nonna saluta e chiede scusa - Fredrik Backman

Dunque, abbiamo una nonna che è una super-nonna, anche se semina il caos e a volte è definita come terrorista.
Il suo rapporto speciale con la nipotina Elsa è fatto di una lingua segreta, che conoscono solo loro, e di viaggi immaginari nel Paese-da quasi-svegli, costituito da sei regni. Quello più importante, Miamas, è il posto dove vengono create tutte le fiabe. Ma le fiabe, si sa, contengono un fondo di realtà. E allora dove finisce la fiaba e comincia la realtà?
Dopo la morte della nonna, Elsa è coinvolta in una specie di caccia al tesoro, e scopre così che tutti i personaggi delle fiabe raccontate dalla nonna sono in realtà le persone che la circondano e che la magia della fiaba serviva ad occultare una storia drammatica durissima da accettare. Chi era dunque sua nonna, prima che la conoscesse?

1 – LA BUONA LETTERATURA

La difesa costante della buona letteratura è un punto a favore, qualunque sia il genere.
Risulta evidente, infatti, che non è ad un determinato libro che si attribuiscono speciali qualità, quanto alla lettura in senso lato. “Chi legge è diverso“, come dicevamo anni fa nel gruppo di aNobii Torino.
E la citazione tratta da Il dottor Glas nel finale è tanta roba.

2 – VALIGE PIENE DI DOLORE

Valige piene di dolore e dispiacere che le persone riempiono per bene per poi depositarle nelle belle case di Miploris, uno dei regni del Paese-da-quasi-svegli. Perché non è vero che il tempo cura ogni cosa, il dolore rimane e questo è l’unico modo per disfarsene per poter continuare a vivere.

3 – IL LINGUAGGIO

Una delle cose più sorprendenti ed originali di questo libro è sicuramente l’uso delle parole.
Acrobazie linguistiche, neologismi, e perifrasi tanto inconsuete quanto simpatiche sono solo alcuni esempi.
E poi c’è la lingua segreta, ovviamente. Miamas, Miploris, Mirevas, Mibatalos, Miaudacas… i nomi dei regni non sono affatto casuali e mi è bastato staccare “Mi” dal resto delle parole per scoprire che la lingua segreta è l’esperanto.

COSA/CHI MI HA RICORDATO: Un’altra super-nonna, la folle protagonista di La nonna a 1000°, di Hallgrímur Helgason.

E voi avete letto questo libro? Se sí, cosa ne pensate?
Se no, beh… siete proprio degli intelligentoni.

1 commento su “Tre motivi per leggere “Mia nonna saluta e chiede scusa” di Fredrik Backman”

  1. Letto. Tutto sommato mi è piaciuto. Tra la suspance e l’onirico scorre bene e ti tiene incollato fino alla fine.
    Forse un po’ troppo fiabesco all’inizio ma poi si ridimensiona in una quotidiana realtà.
    Ad ogni modo bello avere una nonna così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *